martedì 14 gennaio 2014

Time Warp

It's astounding
time is fleeting
madness takes its toll



Aspettavo questo momento da anni. Sono lì seduto, spalle agli Schiavoni, e ti vedo solo io quando ti materializzi dal nulla come Kevin Spacey alla stazione in K-PAX. Perchè, chiamatela curvatura spaziotemporale, chiamatela dimensione parallela, chiamatela come cazzo vi pare, posso vederti solo io. E vieni verso di me allo stesso modo. La scena la conosco. Non so da quanto mi aspetti tu, ma io ti aspettavo. Hai sempre gli stessi capelli rossi. E del resto se non sei tizianesca qui, dove ? E mi guardi come allora. E adesso che saprei come rispondere, la domanda è cambiata. Cambiata di brutto.
"Lo sai che sei un cretino, vero?" 
E io lo so, lo so perfettamente. 
E come allora non dico nulla e ti guardo scomparire.

Nessun commento: