mercoledì 22 gennaio 2014

I Corti

Tutti ricorderete I Corti di Aldo Giovanni e Giacomo. Se non li ricordate, andateveli a cercare e rinfrescate la memoria. Se peggio ancora proprio non sapete chi sono i Tiranos e Tafazzi, spero di cuore che vi suoni il Conte Dracula alla porta nel cuore della notte. 


Ma veniamo a noi. Come ben sapete, gironzolo per le chat da un po’ e della mia attrazione pericolosa per i maniaci vi ho già detto ma non posso farci nulla, è più forte di me e mi ci faccio matte risate. Quando vengo fatto oggetto di approcci deliranti non rifiuto a priori il dialogo ma anzi tendo a cercare di intavolare lunghissime conversazioni surreali. Se sono fortunato mi scambiano per donna ed esce il peggio, altrimenti ripiego sul fare l’alieno come chi mi legge da un po’ dovrebbe sapere. Non sempre però i miei interlocutori reggono dialoghi lunghi e le conversazioni si interrompono bruscamente, quindi ho pensato di proporre una piccola antologia di circa una dozzina di questi scambi brevi che in onore al trio succitato ho pomposamente chiamato I Corti. Le caratteristiche sono presto riassunte. Per entrare nel novero dei Corti uno scambio deve essere iniziato dal mio interlocutore che mi clicca in privato, possibilmente con motivazioni bieche e sordide, durare non più di cinque righe a testa e concludersi con l’uscita o il silenzio della mia controparte. L’obiettivo, non dichiarato ma implicito, è quello di farmi mandare affanculo.

I seguenti corti sono stati realizzati con i nick DelicataBetulla (lo so, non ho molto della delicata betulla ma  l’ho messo una sera per scherzo in seguito a dinamiche da chat e mi è valso decine di clic arrapatissimi), SympathyForTheDevil (quello che uso di solito, nick musicale senza un sesso dichiarato che unito all’uso di un italiano corretto in pubblico spesso fa sì che io venga scambiato per una donna) e AryDang (che ha una sua spiegazione che vi dirò nell’ultimo corto della serie ma si presta per la sua discreta ambiguità dandomi modo di giocarmi sia la parte dell’alieno che quella dell’orientale ed è anche una esca potenzialmente femminile)

Alcune avvertenze per chi leggerà, prima di proseguire. Nella stragrande maggioranza dei casi sono stato cliccato da assatanati convinti di aver trovato una donna, quindi si parla di sesso e con linguaggio esplicito. Se siete minorenni o disapprovate questi argomenti e questo linguaggio non continuate a leggere ma uscite immediatamente dal post, dal blog, dai miei zebedei e non ripassate di qui per una quindicina di giorni. 


Se proseguite, siete consapevoli e consenzienti e lo fate a vostro rischio e pericolo. Ho il serio dubbio che con queste premesse nessuno se ne andrà e tutti continueranno a leggere, conosco i miei lettori. Altra avvertenza, per favore non fracassatemi i pendenti con tirate moraleggianti secondo cui non è eticamente corretto riportare in pubblico una conversazione privata. Punto primo, sono solo nick e nessuno è riconoscibile quindi non menatemela con la privacy. Punto secondo, non sono andato io a cercare nessuno ma ho sempre ricevuto approcci da altri che non avevo invitato io a entrare nel mio pvt. Punto terzo, non ho mai fatto o detto nulla per fare pensare di essere una donna, ho sempre cercato di mantenermi assolutamente neutro e indefinibile quindi se mi avete voluto vedere donna è un problema vostro. Punto quarto, se siete seccati perchè vi riconoscete tra i citati rileggetevi con attenzione e vergognatevi almeno un pochino. Fine dei punti. Da domani, uno al giorno, pubblicherò il mio the best of maniacs con un breve commento. Buona lettura.

Nessun commento: