martedì 2 febbraio 2016

Giornata Della Famiglia

Sono passati un paio di giorni dalla manifestazione di Roma e ho letto qualcosa cercando di spogliarmi dai miei pregiudizi in merito per capirne qualcosa in più. Del resto, se nei giorni della merla invece di esserci mezzo metro di neve ci sono 12° e mi viene impedito di fare il mio rituale tuffo più o meno (s)vestito nella bianca coltre, di qualcosa devo pure spogliarmi. Ma devo ammettere che anche spogliato dai pregiudizi non ci ho capito molto di più. O forse ha ragione De Gregori e non c'è niente da capire.

 
Non avendo capito granché, mi pongo almeno delle domande. Come al solito oziose, ma non è colpa mia se le mie domande se la prendono comoda. Mi sono chiesto, nell'ordine, le seguenti cose.
1) Ma perché cavolo lo continuano a chiamare Family Day ? Eravate a Roma e non a Trafalgar Square, pare così brutto chiamarlo Giorno della Famiglia ? E per par condicio, la stessa obiezione vale per il Gay Pride, eh. E' la stessa cosa di Orgoglio Omosessuale, o no ? Se mi state dicendo, tutti quanti, che volete risparmiare sulla lunghezza degli striscioni, fatelo subito.
2) Dire cose tipo "i matrimoni gay sono la priorità del mondo occidentale perché ci sono dietro le industrie dell'utero in affitto e del cambiamento di sesso" o "chi ci guadagna sono le industrie farmaceutiche, del porno e del condom", è possibile allo stato naturale o richiede l'assunzione di sostanza proibite ?
3) Uno degli slogan più gettonati, al punto che c'è un apposito comitato, era "Difendiamo i nostri figli". Ora, difendere i figli è cosa assolutamente nobile e giusta, ci mancherebbe. E va bene, difendiamoli.
 
 
Ma la domanda a cui non trovo risposta è "Sì, ma da chi ?". Non ho capito bene che tipo di minaccia siano due gay che stanno insieme. Nel senso che ho la ferma convinzione che anche in caso di unioni tra persone dello stesso sesso, o financo di adozioni, i miei figli e con loro i figli di un sacco di altra gente se ne fregherebbero altamente e continuerebbero a fare la loro vita.
4) Qualcuno tra i presenti aveva capito cosa si intenda per ideologia gender ? Ne dubito, e francamente temo di non avere le idee chiare nemmeno io. Ma da qui a dire che "la bellezza del matrimonio è messa in pericolo dall'ideologia gender" ce ne passa.
 
 
Voglio dire, sicuramente la cerchia delle mie conoscenze è un campione statistico poco significativo, non lo metto in discussione. Ma ho visto matrimoni saltare per istruttori di zumba, bariste panterate, piatti che volavano per le spese di casa, figli stiracchiati di qua e di là, botte e insulti domestici come se piovesse. Mi venga un colpo se conosco una sola coppia che si sia divisa per colpa dell'ideologia gender. Comunque, tanto per esserne sicuro, mi sono consultato con la Santa Donna e anche lei ha detto che nella classifica dei motivi per cui potrebbe chiedere il divorzio l'ideologia gender si colloca decisamente in basso, più o meno all'altezza dell'attacco di alieni e molto sotto la mia (presunta, NdA) incapacità ad abbinare i colori, il mio rifiuto di aderire a religioni orientali e la riluttanza a buttare via i vestiti vecchi.
5) Perché nel vademecum predisposto per i partecipanti alla manifestazione era consigliato di non rilasciare dichiarazioni alla stampa e diffidare dei giornalisti ? Non capisco, se siete così nel giusto e il vostro amico immaginario vi guida sulla retta via, perché aver paura di parlare ? Non sarà che gnente gnente (aho, stavamo a Roma o no ?) c'era il serio dubbio che in mezzo a sta folla ci fosse pure gente che dice un mucchio di cazzate ?
Insomma, la sensazione è che ci fosse un sacco di gente in piazza per il puro gusto di rompere i coglioni al prossimo su una cosa che in fondo non la tocca. E allora, balliamoci su.


 
 
 

4 commenti:

Artemisia ha detto...

Commento serio: purtroppo la maggior parte delle persone parla a sproposito di ciò che non conosce, avendo la presunzione di sapere tutto. Il mio modesto parere è che i parenti non te li scegli, "la famiglia" è una cosa diversa.
Commento cazzaro: solo tu SYM potevi includere nello stesso post, De Gregori e "Bobo 007 Boss"!! (Ma che trascorsi hai???? ahahahah!) Nonostante la serietà dell'argomento, alla fine sono morta dal ridere :D

Mandorla Amara ha detto...

Ciao diavoletto: posso aggiungere altre dimande alle tue? Vedi mai qualcuno passasse di qua a dar risposte magari uscirei dalla mia ignoranza! Allora io sono femminuccia, etero, single; non ho nessunissima intenzione di sposarmi e manco di fare figli (la seconda non come conseguenza della prima, ma proprio a prescindere). Allora, per costoro io sono strana, perché da donna è impossibile non avere l'istinto materno e la voglia di procreare. Ok, supponiamo che io decida di fare un figlio, senza sposarmi: di fare la madre single. Giammai! Sarei una stronza egoista, perché un bambino ha diritto di crescere con un padre. Ok allora diciamo che rimango incinta per sbaglio ed allora decido di abortire perché del padre del pargoletto non so manco il nome e comunque è un idiota che non sa usare il preservativo lasciando la sottoscritta nei guai: giammai! Sarei una stronza egoista, perché il bambino ha diritto di nascere. Quindi ricapitolando: in quanto donna devo sposarmi con un uomo e devo fare sesso non per piacer mio ma per dare un figlio a dio. Se non la penso così sono strana e precipuo dovere di codesta gente è cercare di riportarmi sulla retta via.... In ogni caso sono una stronza egoista.... Bah! Vorrei capire: perchè impegnare tempo, energie e soldi lottando per impedire che altri abbiano dei diritti? Posso capire se ti fai il culo a difendere i tuoi diritti, ma che sprechi energie per non dare diritti ad altra gente non lo capisco, ma tanto io sono stronza egoista e pure scema. Vorrei capire ancora: come si conciliano i diritti dei bambini ad una continuità affettiva nel caso il genitore biologico muoia o stia molto male con l'impossibilità per l'altro membro della famiglia di occuparsene in prima persona, se non previa delega o sentenza di un giudice, SOLO perché dello stesso sesso del genitore biologico? Ah già dimenticavo io sono stronza egoista e scema. Ti abbraccio diavoletto

SympathyForTheDevil ha detto...

Artemisia, la frase più convincente che ho letto sull'argomento diceva più o meno "la famiglia è dove c'è amore". Sul parlare a sproposito, io ne ho fatto un'arte ma almeno ne sono consapevole e non mi prendo sul serio. Questi, si pigliano dannatamente sul serio. Quella sui miei trascorsi, la trovo una domanda decisamente indiscreta :D

SympathyForTheDevil ha detto...

Mandorla, intanto bentornata, iniziavo a darti per dispersa. Condivido in pieno quello che dici, naturalmente. Il nucleo di tutto questo, e dell'intera manifestazione a mio avviso, lo hai colto benissimo ragionando di diritti. Mascherandosi dietro la presunta tutela di figli non meglio identificati, tutto sto ambaradan è stato messo in piedi per bloccare una cosa che non danneggia in alcun modo gli scesi in piazza e darebbe felicità ad altri. Non sia mai.