martedì 5 gennaio 2016

Precisazioni Alla Nazione

Sento il dovere morale di fare alcune dovute precisazioni, aggiunte, parziali smentite, rettifiche, insomma di tutto un po' e chiamatele come vi pare, al post precedente.

Allora, ho detto che era il trecentocinquantunesimo post del blog. Mea culpa, correggo. L'errore sul centinaio è tutto mio, chissà perché invece di duecento parlando mi è uscito trecento. Megalomania, ottimismo, speranza in un luminoso futuro, chi lo sa. Mentre sul numero esatto c'è stata una imprecisione dovuta al fatto che la dashboard mi segnala tutti i post, inclusi quelli già scritti e non ancora pubblicati. Dichiaro ufficialmente che con il presente i post pubblicati toccano quota 249. Dubito che vi foste accorti di questa imprecisione e se qualcuno l'aveva notata e stava per segnalarmela lo prego di farmelo sapere quanto prima. Sì, perché questo qualcuno che si è messo a contare i post di questo blog per verificare merita complimenti, ammirazione, gratitudine e l'indirizzo di un bravo psicologo. In un certo modo, questa è la smentita del vecchio detto "scripta volant, verba manent". Avrei potuto correggere quel che avevo scritto con un paio di clic, 351esimo sarebbe diventato 249esimo e nessuno se ne sarebbe accorto. Viceversa, per correggere quel che avevo detto dovrei cancellare l'audio e rifarlo di sana pianta.
Altra imprecisione, avevo detto che il poveretto addetto ai controlli a cui è sfuggito l'sms blasfemo era stato licenziato. Per fortuna non è così. Pare che se la caverà con una sospensione dal lavoro per qualche giorno. Periodo di sospensione nel quale, ripeto, avrà il tempo di cercare con comodo il tipo che ha mandato il famigerato sms e fargli un pacato discorsetto. Non farà fatica, pare sia già stato identificato e in rete ci sono nome, cognome e provenienza.
Ulteriore imprecisione, ho parlato di osservatori cattolici che si erano agitati. Allora, il nome esatto pare sia AIART, acronimo di Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Televisione, è una ONLUS fondata nel 1954 per iniziativa dell’Azione Cattolica. Ora, a me la bestemmia non fa né caldo né freddo. La trovo inutile, fondamentalmente, ma trovo molto più blasfeme altre cose. Però devo ringraziare l'autore della suddetta se non altro per avermi fatto conoscere questa associazione della quale ignoravo completamente l'esistenza e della quale penso che  avrei continuato a non sapere nulla se non fosse stato per il buontempone in questione. La mia iscrizione alla suddetta associazione era molto, molto lontana, ecco. Che sia perché guardo pochissimo la tele e sono pochissimo cattolico ?
Ultima ma non meno importante precisazione, mi sono perso qualcosa di fondamentale che avrebbe fatto la sua porca figura nell'elenco di cose agghiaccianti che ho visto in pochi minuti. Pare che si sia esibito in duetto con D'Alessio anche Grignani un tantino sbronzo, cosa commentata dal primo (visibilmente imbarazzato, ho letto) con le parole "non era ubriaco, solo un po' euforico". Certo, come no. Prova a dire al prossimo agente che ti ferma con l'etilometro che sei solo un po' euforico. Da adesso comunque, per simmetria col rapporto tra ubriachezza ed euforia, gradirei che non si dicesse che Sym scrive un mucchio di cazzate, ma che le sue sono solo cose leggere con poco senso. Capirei il vostro imbarazzo nel dirlo, eh.

Nessun commento: