mercoledì 8 ottobre 2014

Forbidden Venice, E Nemmeno Un Vampiro Del Cazzo Quando Servirebbe

Vabbè, ormai Venezia l'ho girata in lungo e in largo, mi sono perso negli angoli più incredibili, in tutte le stagioni, con tutte le luci. Dalla gita del liceo a quando stavo con l'austriaca e non avevamo nemmeno un tinello marròn (1), dai viaggetti romantici pre e post nuziali fino all'ultimo di qualche mese fa, ogni tanto ci torno perché Venezia è Venezia e mi chiama, poco da dire.
Ma mi metto nei panni di un poveretto che non ci è mai stato, viene da chissà dove, si è preso dei giorni di ferie per farci un giro, si alza la mattina nel costosissimo albergo in cui si è accampato pensando "Oggi vado proprio a Rialto, finalmente". 
E scopre che non ci può andare. Passaggio interdetto. Per motivi di sicurezza. Perché mai ? Quale sorta di emergenza si è verificata ? Quale fatto incredibile e straordinario ? Venezia ha deciso di affondarsi definitivamente prima dell'estremo insulto di un concerto di Justin Bieber ? E' stata avvistata la Grande Pantegana Mutante che sghignazzava mentre si mangiava due gondolieri ? Hanno nominato Schettino ammiraglio e direttore del traffico navale in zona ? Un ristorante del centro ha deciso di fare prezzi umani ? No, peggio ancora. Si sposa George Clooney. Segue seconda parte del post, con linguaggio piuttosto sboccato che per essere capito necessita di visione del video.


Cazzarola, George. Questa non me la dovevi fare. Io in Dusk Till Dawn nonostante le mie simpatie parainfernali non stavo dalla parte dei vampiri del cazzo. Per tutto il film, dal tramonto all'alba, ho fatto il tifo per te, Seth Gecko, e per tutta quella banda di squinternati che ti seguiva. E tu, sfuggito ai vampiri del cazzo, vieni a sposarti a Venezia scartavetrando i coglioni a tutta la laguna. Bella forza, poi tu puoi farti fare lo scrotal lifting con il ball ironing, ma noi mortali dobbiamo tenerceli accartocciati, accidenti a te. Avrei voluto vederti sposarti al Titty Twister, sai. E provare a chiedere a Danny Trejo se fermava il traffico dei motociclisti almeno per il tempo della cerimonia. Secondo me ti rispondevano in coro, lui e tutti i vampiri del cazzo, con un bel mavaffanclooney. E allora sai cosa ti dico, George ? Che quando ti ho detto che facevo il tifo per te mentivo. Stavo dalla tua parte solo perché stavi difendendo dai vampiri del cazzo quella deliziosa, adorabile, stupefacente, indifesa (no, indifesa no, vi spiego poi) creatura che risponde al nome di Juliette Lewis, ecco. 



(1) Chi coglie questa citazione avrà la mia imperitura stima e potrà sentirmi cantare J'adore Venise di Fossati, previo raggiungimento di adeguato tasso alcolico

5 commenti:

Calamì ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=95L6i2ojP5w

Mi sembra che Venezia abbia un posto d'onore nel tuo cuore.. Io adoro questa canzone! Te la dedico in attesa del prossimo vip che deciderà di intasare il traffico di pedoni, gondole e vaporetti ;)

SympathyForTheDevil ha detto...

Sì, Venezia mi evoca moltissime cose. Quanto al pezzo, quando la gente dice di una canzone "Non è il mio genere" o non è davvero il suo genere o gli fa proprio schifo. Beh, non è il mio genere. E tu non saprai mai il retropensiero :-D

Calamì ha detto...

Ma neanche il mio.. però è poetica ! :) a me ricorda due dei viaggi più belli che ho fatto lassu'

SympathyForTheDevil ha detto...

Se voglio associare Venezia e poesia, vengo qui.

https://www.youtube.com/watch?v=s26bAf6gmys

Calamì ha detto...

Povera Stefania :(