venerdì 13 settembre 2013

Senza Parole

L’attuale Garante per l'infanzia della Regione Calabria, ex deputato dell’Ulivo nella legislatura 2006-2008, riceve dalla Prefettura di Crotone i documenti che le sono stati inviati per autorizzarla a visitare il Cara, Centro Accoglienza Richiedenti Asilo di Isola Capo Rizzuto.
Quando vede che il pass mandato dall'ufficio governativo si limita a definirla «dottoressa» protesta con una pesante lettera per l'inconveniente. Nella comunicazione ufficiale, vergata su carta intestata del Garante per l'infanzia e datata 7 settembre, spiega al funzionario della Prefettura di Crotone di restituire le lettere «che mi ha inviato perché voglia cortesemente integrarle col pertinente titolo istituzionale. Ho constatato, infatti, dalla lettura delle note a sua firma che mi viene attribuito il titolo accademico e non anche quello di onorevole che mi compete nella mia qualità di deputato della XV legislatura». E così facendo blocca, non si sa per quanto tempo, la procedura che avrebbe dovuto portarla a ispezionare la struttura che ospita bambini immigrati, uno dei compiti per i quali è stata nominata “Garante” dal presidente del consiglio regionale. 

video


3 commenti:

ilsoleamezzanotte ha detto...

sei stato ancora un perfetto signore.....ci sarebbe da dire molto di peggio a codesta specie di persona :-)...ma sbaglio o stai prendendo lezioni di dizione? si sente sempre meno la tua piacevolissima cadenza:-)))

SympathyForTheDevil ha detto...

Sì, ilsoleamezzanotte, mi sto allenando con sopra la panca la capra campa sotto la panca la capra crepa e ho già ucciso due capre, poi passerò a sessantasei assassini sensibili sussurrano sensualmente

ilsoleamezzanotte ha detto...

Visto gli ottimi risultati continua pure le lezioni :D